martedì 19 giugno 2012

sketch di un romanzo/sceneggiatura/fumetto da fare. Briganti (prima parte)



Il Tenente scese dal tank e diede un’occhiata inquieta in giro. Non afferrava il motivo dell’ordine, e quando non capiva tendeva a arrabbiarsi. Si rivolse al sergente, che era sceso anche lui.
Dobbiamo fare il campo proprio qui?”

Si, mia Signora”
E lei non può spiegarmi perché”
No, Signora”
Mi può almeno dire il motivo di quelle due vacche?”
Chiese, indicando col pollice il rimorchio.
Quello lo posso dire... Loro serviranno per un barbecue.”
Un barbecue? Due vacche … vive?”
Capisco il suo stupore, mia signora... ma fa tutto parte di quello che non posso dire al momento”
La giovane donna strinse le labbra in un’espressione esasperata.
È che campeggiare davanti alla “trappola per anguille” (*) mi rende nervosa.”
Da queste parti rischiamo di meno che in prima linea...”
Il tenente strinse di nuovo le labbra, e cominciò a dare ordini per installare il campo.
I soldati piantarono le tende, si stabilirono le difese, si instaurarono turni di guardia, e le due povere vacche furono piazzate in un recinto, apparentemente ignare della loro sorte.
Ventiquattro ore passarono tranquille.

Il giorno dopo, accadde qualcosa.
Nel campo suonò l’allarme anti intrusione. I soldati scattarono, ma dopo qualche istante, la voce inumana del sistema gracchiò alla radio.
Cessato allarme, cessato allarme”
Tutti si calmarono.
Nel circuito radio ufficiali/sottufficiali si diffuse il seguente messaggio: “Allarme intrusione rientrato. L’intruso è stato catturato all’interno della zona trincerata.”
Il Tenente aspettava di fronte al suo alloggio.
Il sistema continuava a snocciolare i dati. “L’intruso è apparentemente del genere femminile. Unica arma sequestrata un machete. È in corso la perquisizione.”
Al tenente sembrò un po’ strano che avessero iniziato così presto. Di solito, a spogliare un nemico, ci si metteva più tempo.
Arrivò il sergente, senza affrettarsi.
Questo avvenimento ha qualcosa a che fare con motivo per cui siamo qua?”
È estremamente probabile” Affermò il sergente senza sbottonarsi, e si accese un sigaro. La donna rientrò nella sua tenda.
Alla fine del sigaro, arrivò l’intruso, scortato da due soldati. Il tenente uscì e spalancò gli occhi dallo stupore.
I due soldati trascinavano una donna nuda, incappucciata e ammanettata, ma l’intrusa aveva il corpo dipinto di strisce verdi e marroni.
Il terzetto si fermò di fronte al comandante con Blackjack a fianco.
Rapporto”
Alle ore 14.07 il soldato *** ha notato del movimento sospetto all’interno dell’accampamento, zona Nord- Est. Ha dato un avvertimento, e l’intruso si è nascosto. All’allarme sono accorsi altri soldati che hanno circondato dove ritenevano si trovasse l’intruso. Vistosi scoperto, l’intruso si è palesato, ed è stato arrestato. È stata perquisita, e gli è stato trovato questo nell’ano.”
Affermò il soldato a destra, mostrando un bossolo.
Ha detto qualcosa?”
Chiese il tenente.
Non ha aperto bocca, nemmeno durante la perquisizione.”
Cosa aveva addosso?”
I due soldati si fissarono, e quello a sinistra alzò una borsa trasparente di plastica.
Questo…”
La borsa conteneva solo degli stivali e delle ginocchiere, e un fodero a tracolla con dentro una lama.
Tutto qui?
Il tenente protese la mano e afferrò il fodero. Estrasse la lama, che si rivelò un machete dalla forma piuttosto strana, esotica.
L’ufficiale guardò il sottufficiale, che era rimasto silenzioso per tutto il tempo.
Chi è questa donna?”
Ehmm…” Blackjack si schiarì la gola.
La testa incappucciata della donna si volse verso la voce del sottufficiale.
Avete trovato altro?”
Domandò il sergente ai soldati.
Si sentì uno strano rumore, come uno scatto osseo.
La prigioniera fece un balzo da donnola verso Blackjack, finendoli in braccio. Da un polso gli pendevano le manette. Le due sentinelle rimasero esterrefatte. L’unica a reagire fu il tenente, che sfoderò la pistola alla velocità della luce. Ma mentre la puntava, incontrò la mano del sergente che la costrinse a abbassarla con forza irresistibile.
FERMI! FERMI! NON è SUCCESSO NIENTE!”
Ululò Blackjack.
Il tenente rimase a sua volta stupefatto, quando vide che la donna dipinta aveva abbracciato il sergente e cercava di baciarlo attraverso il cappuccio.
State calmi…” Aggiunse il sottufficiale mentre con la mano libera toglieva il cappuccio alla prigioniera.
Apparve un viso pitturato, grazioso e piuttosto largo, con degli occhi verdi e capelli neri corti. Appena ebbe la faccia libera, schiaffò la lingua in bocca al sergente. Questo annichilì l’ufficiale. Non immaginava che il sergente avesse una vita sessuale.
Blackjack non la respingeva. Dopo un certo mutismo per ragioni funzionali, l'uomo si voltò verso il Tenente.
Signor Tenente, le presento la Sig.na Matriona Aniekatova. È una delle persone che aspettavamo.
Matriona, ti presento il Tenente ***, mio ufficiale comandante.”
Nonostante tutto, il sergente rimaneva sempre una persona educata.
La donna pitturata sorrise, rivelando denti bianchissimi, e porse la mano destra all’Ufficiale, sempre restando in braccio a Blackjack.
Sono onorata di conoscere il comandante di Maurizio”.
Disse con voce roca da fumatrice e con un pesante accento slavo.
Piacere mio...”
Rispose scombussolata il Tenente.
In quanto a voialtri” Iniziò il Sergente con un tono da tempesta di grandine, diretto alle due sentinelle, che si rattrappirono immediatamente. “Vi devo fare un cazziatone. Non siete riusciti a scoprirla PRIMA che si infiltrasse, e poi non l’avete bloccata quando mi ha aggredito!”
Ma no dadaya, sono stati bravi... sono arrivata stanotte, e ci messo ore a entrare. È stato difficile!”
intervenne Matriona.
Il sergente grugnì, poco convinto.
La donna pitturata gli accarezzò la faccia, continuando a sorridere.
Blackjack cedette.
Va bene, niente sanzioni!”
E si voltò verso l’ufficiale.
Se permette, signor tenente, la sig.na Aniekatova le farà rapporto dopo essersi lavata e vestita.”
Va bene sergente.”
Approvò l’ufficiale. Quella donna la confondeva. E lei detestava essere confusa.
Il sottufficiale si allontanò, sempre con la donna dipinta in braccio. I soldati che incontrava spalancavano gli occhi come piattini allo spettacolo inconsueto.
Un’oretta e mezza dopo, il sergente si ripresentò dal tenente. Lo accompagnava la Sig.na Aniekatova, che, in pantaloni e camicia mimetici, aveva riassunto un aspetto normale.
L’ufficiale era seduto alla sua scrivania portatile, ed era piuttosto arrabbiato. Il tempo aveva aumentato la curiosità, e l’attesa era stata troppo lunga.
Perché ci ha messo così tanto tempo?!?” Abbaiò.
Oltre alla doccia e ai vestiti, sono stato costretto a soddisfare alcune sue esigenze, diciamo così, biologiche” rispose Blackjack, placido, mentre la Sig.na sorrise a spicchio di limone.
La mascella del tenente si abbassò, per un attimo, poi risalì di scatto.
Questo non mi interessa! Chi è, e che cazzo fa qua?”
Invece di rispondere a lei , Matriona si rivolse al sergente.
Come è acida! Ma chiava, ogni tanto?
Tesoro, è arrabbiata perchè non sa. Digli quello che devi dirgli
Rispose Blackjack.
Che ha detto?”
Strillò molto inviperita l'ufficiale.
Ehm... dai Matriona... dillo!”
La signorina cominciò (con un'aria strafottente).
I Bogatyri stanno arrivando. Saranno qui tra un giorno.”
I che? Ma che diavolo dice?”
Adesso posso spiegarglielo, mia Signora...”
Lo faccia! Comincio a averne le palle piene!”
Matriona alzò un sopracciglio con approvazione, non per le parole, ma per il tono.
I Bogatyri sono un gruppo di infiltrati che opera nelle retrovie nemiche. Sono comandati, o guidati, da Boris”
Di Edelweiss?? e chi sarebbe 'sto Boris?”
Chiese un po' stupita il tenente.
No... diciamo che si tratta di un'impresa privata...”
Privata?”
Signora, lei sta per conoscere uno dei segreti meno segreti di questa guerra.”
Disse Blackjack, e poi fece una pausa a effetto.
La signorina Matriona è una esponente dei Bogatyri, che sono una banda di operatori privati provenienti dall'Est, specializzati nelle scorrerie nelle retrovie nemiche. Siamo stati posizionati qua per accoglierli e rifornirli.”
Il Tenente era parecchio sconcertato.
Operatori privati? Dei Mercenari?”
Sissignora.”
Intervenne la Sig.na. Matriona.
Adesso che vi siete spiegati, posso ritornare da Boris. Ricordati, Maurizio, che lui vuole la carne sul fuoco quando arriva.”
Va bene... non vuoi un mezzo?”
Niet niet, dadaya... ridatemi la mia lama, lo sai che mi sento nuda senza.”
Signor Tenente, posso accompagnarla fino all'ingresso?”
Va bene, ma dopo torni qua...”
Il sergente e la mercenaria uscirono dalla tenda.
Il tenente restò sola.
Dopo una dozzina di minuti, Blackjack era tornato.
Nel frattempo, l'ufficiale aveva rimuginato su quello che aveva sentito, e la conclusione a cui era arrivata non gli piaceva per niente.
Allora, sergente, mi spieghi bene un cosa... Che cosa realmente fanno questi Bogati... Boghatry .. dietro le linee nemiche?”
Uhm... il termine tecnico sarebbe infiltrazione e sabotaggio... in altre parole, distruggono e massacrano tutto quello che trovano sulla strada. Quello che lasciano in vita, lo violentano. Si occupano principalmente di villaggi e piccoli distaccamenti nemici.”. Disse con tono assolutamente neutro, asettico.“Il termine esatto sarebbe Briganti.”. Concluse.
Ma... ma perché?...”
Sono solo un altro dei metodi di attacco non convenzionali. Lei sa bene che è stato deciso di non ordinare ai nostri soldati di attaccare o molestare direttamente i “nemici non armati”, per ovvi motivi... e allora loro li terrorizzano per conto nostro.
Noi non rischiamo più di tanto, dato che questi mercenari non sono ufficialmente riconducibili alla Repubblica, e il governo nemico sta zitto, perché ammettere di non riuscire a controllare nemmeno il proprio territorio è ancora peggio dei danni che fanno loro.”
La donna non disse verbo.
Le informative dicono che, nelle zone dove operano gruppi come i “Bogatyri ”, i nemici non armati tendono a scappare verso nord... sembra almeno un 15-20% della popolazione. È sempre un 15-20% in meno di lavoro per noi...”
E quelli che i “Bogatty” ammazzano?”
Questo dato non è significativo.”
Tra i due scese un silenzio ostile.
L'Ufficiale comprendeva il valore militare di tutto ciò, ma la donna si ribellava al suo significato.
Capisco, ma non accetto.”
Dichiarò il Tenente.
Mia Signora, si devono risolvere dei grandi problemi con sistemi imperfetti... preferirebbe che i nostri soldati si occupino anche di spaventare a dovere i nemici non armati?”
Intende dire uccidere tutti i maschi e violentare qualche femmina?”
Più o meno.”
No...ovviamente no.”
Lei lo sa bene... non possiamo permetterci di allevare una generazione di criminali...”
E i Bogatri? Quelli cosa sono?”
Per loro è diverso... da quanto tempo noi combattiamo i nemici?”
Da due anni... ma cosa c'entra?”
Due anni di guerra guerreggiata, certo... loro sono in guerra da 40 anni.”
L'ufficiale fissò il sergente.
Ad esempio, la signorina Matriona ha perso tutta la sua famiglia in un attacco nemico quando aveva 10 anni... in pratica li combatte da allora.”
Perché ha voluto che che questa missione fosse affidata a noi?”
(Aleggiava nell'aria un taciuto a me?)
Bene o male, sono soldati molto esperti. Potranno insegnare qualcosa ai nostri soldati...” (e ci fu di nuovo un sottinteso a te) “E credo saranno un esempio di come non ci si deve ridurre.”.


.

continua.


  xxx=in russo nel testo


(*) trappola per anguille: saliente naturale nel fronte non occupato e non assicurato con trinceramenti. Serve a fornire al nemico una comoda direttiva d’attacco. In realtà , la trappola per anguille è fittamente minata e sottoposto a sorveglianza continua. Inoltre, la divisione d’artiglieria è perennemente posizionata a distanza utile.

7 commenti:

  1. già, i bogatyr..presero il nome dai capi turco-mongoli,i baghatur, nel tentativo di emularne la forza

    RispondiElimina
  2. ancora.... voglio un libro! possibile che con tutta la merda che gira qualcosa di così interessante non nasca? :)

    RispondiElimina
  3. ho capito che tu compreresti il libro o il fumetto... grassie.

    RispondiElimina
  4. Paolo aus Triest20 giugno 2012 13:46

    Attento a una cosa: editarlo in proprio potrebbe essere un po' caro. Ho letto peste e corna degli editori a cachet!
    Ah, una cosa ancora: il 28 o 29 maggio avevi postato lo sketch dei "suini", quello in cui si davano due caporioni nemici in pasto ai porci. Poi è sparito. Lo stai risistemando?

    RispondiElimina
  5. ma dove diavolo è finito? aspetta, lo riedito!

    RispondiElimina
  6. http://comeittoogami.blogspot.it/2012/05/sketch-di-un-romanzosceneggiaturafumett_25.html

    eccolo qua!

    RispondiElimina