mercoledì 20 gennaio 2016

La stupidità va premiata

Non me ne voglia nessuno, ma non provo nessuna pietà per la defunta Ashley Olsen ...
Due cose in particolare: Primo. Con la vita che faceva, cioè sembrava che fosse una eroica tiratrice di naso, una fine indecorosa doveva essere in preventivo. Secondo, essendo una USAina, doveva essere per forza in grado di distinguere un Black da un Nigga (per usare la terminologia ufficiale)... oppure era proprio e semplicemente una cretina, come la defuntissima pippa bacca che riuscì a farsi violentare&uccidere in Turchia...
Per quanto riguarda la scimmia negra, nulla da eccepire. Uccidere la donna con cui ha appena fatto sesso, è nel suo DNA e nella sua cultura. Anzi, mi stupisco che non abbia strappato dei pezzi e se li sia mangiati!

6 commenti:

  1. "Al processo per la morte della moglie Barbara Cicioni, 33 anni, incinta di otto mesi, Roberto Spaccino rise. Accusato di omicidio aggravato e violenza in famiglia, la pm Antonella Duchini gli fa delle domande sugli schiaffi che dava spesso a sua moglie e che lui considerava parte integrante del ménage famigliare. Infatti, secondo Spaccino sarebbero “sventoloni”, “smanate” non botte, perché le botte «sono quelle che lasciano il segno», «quelle che mandano in ospedale e mia moglie non c’era mai finita». Roberto diceva spesso «io questa prima o poi l’ammazzo», l’uomo precisa che questo è un modo di dire di Marsciano, «un intercalare nostro, mio e di mia moglie».
    Durante il processo di un uomo che lucidamente strangolò sua moglie, emergono scenari inquietanti. Il maschilismo di un uomo, ben inserito in un contesto, dove le donne sono viste come “puttane”, dove dalle mogli ci si aspetta serietà, mentre agli uomini è concesso frequentare altre donne. Infatti, nell’aula della Corte d’Assise di Perugia, l’uomo scherza con gli avvocati. Si reputa un uomo perbene, un marito modello e un padre perfetto per i suoi due figli che aveva avuto con Barbara, non si ubriaca, non fuma, non gioca d’azzardo, al massimo frequentava qualche night, tradiva talvolta la donna con le clienti della lavanderia e prostitute, poiché «Certo che la gelosia di Barbara mi dava fastidio, io le dicevo che non c’era niente. Del resto lei che ne poteva sapere? E le avventure, si sa, ce l’hanno tutti».
    Se tradire una moglie era per lui normale, tuttavia poteva insinuare che la figlia nel grembo di Barbara non era sua ed esternare una morbosa gelosia nei suoi confronti. Perché un uomo è legittimato a tradire, una donna non può nemmeno divorziare. Infatti le urlava spesso “sei una puttana come tua madre“, perché aveva divorziato presto da un marito violento; la umiliava con appellativi come “sei un cesso” e “sei grassa”. (…) Tutto il paese sapeva che Roberto picchiava Barbara anche in presenza dei figli. Violenze che il figlio maggiore apprende e imita “utilizzando frasari e metodi analoghi a quelli del padre” mentre il più piccolo un giorno colpì con una scopa il papà che sta pestando la moglie. In paese l’omertà era troppo forte, come spesso accade nei piccoli paesi dove i panni sporchi si lavano in famiglia. Roberto era uno di paese, non uno straniero per essere linciato dalla folla, ma un padre di famiglia che portava i bambini a calcio."(cit.)

    nessuna pietà per le donne che si sposano con e/o si fanno mettere incinte da questi merdaioli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, non sarei così drastico... se una se lo trova così, è vittima. Se se lo va a cercare, è cretina!

      Elimina
    2. pardon ma se ci fai tre figli.. poco vittima e tanto cretina

      Elimina
    3. dato che credo nella buona fede, spero che il tizio sia diventato stronzo nel tempo... se lei se lo è sposato sapendo che era così, era proprio cretina!

      Elimina
  2. Paolo aus Triest22 gennaio 2016 20:55

    Uehlà, bentrovato, avevo visto strani avvisi di curiose violazioni (e quali?), più che altro per caso ho cercato e oggi vedo che il blog è di nuovo in linea.
    Analisi lucida e impietosa del fatto, vedo (come una volta, peraltro), non richiede altri commenti. ;)
    Ho visto che hai messo ancora un episodio del "radioso futuro".
    Bentornato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benritrovato, caro Paolo. in effetti, a un certo punto il blog era addirittura sparito, per delle incomprensibili ragioni blogspottiane...

      Elimina