domenica 26 agosto 2012

sketch di un romanzo/sceneggiatura/fumetto da fare. intermezzi.



Erano dei giorni assolati in un campo di riposo in terza linea, e tutti si riposavano prendendo il sole.
Il Tenente, con gli occhiali neri, la testa rasata, il torso e i piccoli seni ricoperti da goccioline di sudore, i pantaloni mimetici rivoltati fino ai ginocchi e le infradito nere ai piedi, era molto accaldata e eccitante... arrivata alla sedia a sdraio, ci si appoggiò e chiuse gli occhi.

Quando li riaprì , era apparso Blackjack , come se fosse scaturito dal terreno.
Il sergente aveva addosso una assurda maglietta color fegato con sopra scritto “NON LO FACCIO SOLO PER I SOLDI” e reggeva un secchiello con dentro del ghiaccio e una bottiglia. Nell'altra mano, una valigetta termica.
Credo che con questo caldo, mia Signora, sia il caso di approfittare di questo nettare...”
Esordì, con un inedito tono sussiegoso.
La giovane donna alzò gli occhiali e lo fissò divertita.
Il sottufficiale appoggiò il secchiello al tavolino, aprì la valigetta e ne tirò fuori un piatto con delle tartine, che appoggiò sempre sul tavolino. Scartò la pellicola trasparente che ricopriva il piatto, e ,come un prestigiatore , estrasse due flute dalla valigetta. Dopo aver posizionato il tutto, girò la bottiglia nel ghiaccio.
Il vino è un bianco, non troppo secco, mia Signora,e le tartine sono al salmone e al caviale”
Protendendo leggermente le labbra, l'ufficiale sussurrò con un tono leggermente ironico:
Sta per caso cercando di sedurmi?”
Mia Signora, non oserei mai mancarle di rispetto in questo modo. Approfittiamo insieme, da vecchi camerati, del poco che ci offre la sorte...”
Rispose il sergente, serissimo, sedendosi sulla sdraio a fianco.
Di buon grado, la giovane donna accettò.
Dopo 7 tartine e tre bicchieri di vino, l'ufficiale era più allegra (Blackjack ne aveva bevuti cinque, ma non avevano fatto un grande effetto).
Fu così che diede voce a un pensiero che la tormentava da tempo.
Sergente, lei è una brava persona, come può fare quello che fa?”
Subito dopo che le parole erano fuggite dal recinto dei denti, si pentì di averle espresse.
Il sottufficiale alzò leggermente un sopracciglio, quasi stupito. La giovane donna si morse inconsciamente le labbra.
Il sottufficiale portò l'indice alle labbra , prendendosi il mento col medio e il pollice, assumendo una espressione assorta.
mmmh... Una volta ne ho parlato al Generale. Perdoni questo povero vecchio che esibisce la sua cultura enciclopedica...”
Esordì con tono auto ironico, poi sembrò in effetti un professore.
Esisteva una nazione di indiani americani, i Pueblo, che si potevano definire dei tranquilli agricoltori pacifisti.”
Parlando, sembrava astrarsi.
Però avevano come vicini gli Apache e i Navahos, e quindi dovevano per forza avere delle strutture militari... per la loro cultura, spargere sangue era qualcosa che rendeva impuri, quindi i loro eserciti avevano dei sacerdoti che si occupavano dell'impuro mestiere di uccidere i nemici...”
Stette zitto un attimo, e guardò in viso il tenente.
Noi, cioè quelli come me, siamo come quei sacerdoti.”
La giovane donna ponderò la risposta, poi chiese:
Il Generale, come ha reagito?”
Ha fatto una gran risata. E mi ha detto che dovevo fare il professore
Però lei non mi ha detto perché lo fa...”
mmmh... Già... Vede, io ero uno che ci credeva.... Credevo a tutte quelle cazzate che andavano di moda un sacco di tempo fa... società multiculturale, accoglienza del diverso a tutti i costi... tutt bal.”
Il viso del sergente si deformò in una strana smorfia che assomigliava a un sorriso.
Quando è morta mia moglie, ho capito che erano tutte cazzate inventate da dei coglioni, che in realtà erano imbecilli incapaci di trovare il proprio culo, se non glielo indicavano”
L'ufficiale quasi strabuzzò gli occhi. Blackjack non usava mai quei termini quando parlava con lei.
Senza dare segno di aver notato la sua sorpresa, l'uomo proseguì.
Per me, è stato questo. Per la mia cara amica Jade, sono state le risate dei suoi violentatori di fronte alle sue lacrime...”
Mi spiace...”
No, non deve spiacersi... Il passato è passato, ed certe domande sono anche lecite... Lei sa che tutto quello Noi che facciamo, lo facciamo per necessità...”
Ci fu un attimo di silenzio.
Guardi cosa succede aldilà delle montagne... il pollame è costretto a usare i soldati per sterminare i civili nemici... ancora più al nord, i nazi hanno riaperto i KZ... Vabbè che quelli , se glielo ordinasse la Füher, diventerebbero tutti finocchi... e gli piacerebbe pure! Un ordinen è un ordinen!”
Ridacchiò.
La giovane donna tacque per un attimo.
Lei si considera come uno di quei sacerdoti... quelli che facevano un lavoro impuro”
Eh, si.”
Ma .... le piace quello che fa?”
No, più di tanto non mi piace”
Non ha … dei dubbi?”
Il Sergente ridacchiò dolcemente.
ah ah ah ah... ecco perché ci siamo noi... sentimenti di colpa, dubbi morali... Ma non si preoccupi, non è un problema soltanto suo. È un guaio della nostra cultura. Il pollame si ritroverà con un sacco di reduci oppressi dai sentimenti di colpa, e con un bel po' di psicotici sadici. Mentre qua il lavoro realmente sporco lo facciamo noi cybe, e tutti gli altri si faranno aria con la loro coscienza pulita.”
La ragazza strinse le labbra con disappunto. Lei lo sapeva bene... quelli a casa erano felici quando vedevano i “dividendi della guerra” sul loro conto in banca, ma non volevano sapere niente di quello che succedeva.
Non si arrabbi, mia signora... a quelli della mia generazione hanno cagato il cazzo da quando eravamo nati, perché eravamo nati in un paese dove non si moriva di fame e che si ostinava a non far governare i comunisti.... a forza di sentirci in colpa per quello che non facevano, adesso non ci sentiamo in colpa per NIENTE... almeno i sopravvissuti, ovvio.”
L'ufficiale sorrise.
Lei è ancora arrabbiato per allora... vero?”.
È così evidente?”
Oh si!”Beh, sono contento che il mio superiore riesca a leggermi così bene.”
NON E' PROPRIO COSI CHE IMMAGINO IL TENENTE, MA QUESTI SONO VERAMENTE OCCHI DA TIGRE

4 commenti:

  1. secondo me arrabbiato è una parola sottovalutata,a perso il suo significato etimologico,sembra che la si consideri solo nell'uso corrente di imbronciato nei riguardi dei bambini,ma se il riferimento è ad un adulto penso che oggi possa essere un rancore maturato,ragionato,definito.
    arrabbiato è la parola giusta,evidente nella sua apparente inefficacia;è così che ci si sente dopo,arrabbiato.

    RispondiElimina
  2. l'esposizione del concetto è talmente lineare e chiara, che non si può aggiungere, tranne: grazie, Sig. Magiupa.

    RispondiElimina
  3. Paolo aus Triest27 agosto 2012 14:30

    erano imbecilli incapaci di trovare il proprio culo, se non glielo indicavano
    Una frase "stranamente" attuale!
    Non aggiungo altro: chi siano gli imbecilli eccetera lo sappiamo benissimo.

    RispondiElimina
  4. gli fischieranno le orecchie! ;D

    RispondiElimina